Exchange - Prestatori di servizi di valuta virtuale - Prestatori di servizi di portafoglio digitale
 

L’AVVIAMENTO DEL NUOVA SEZIONE DEL REGISTRO

La data 16 maggio 2022 segna lo spartiacque per i prestatori di servizi relativi all'utilizzo di valuta virtuale e di servizi di portafoglio digitale (e i clienti investitori) che operano in Italia, anche on line.

Infatti, in base al Decreto del MEF, gli operatori che, alla data di avvio della sezione speciale del Registro già svolgono l’attività, anche online, sul territorio della Repubblica e che sono in possesso dei requisiti di legge, comunicano all’OAM la propria operatività in Italia entro sessanta giorni dall’avvio del Registro stesso, ai fini dell’iscrizione nella sezione speciale del Registro. Ne consegue che tali soggetti possono proseguire ad esercitare l’attività senza dover attendere la pronuncia dell’OAM sull’iscrizione nel Registro. In caso di mancato rispetto del termine dei 60 giorni, o di diniego all’iscrizione da parte dell’Organismo, l’eventuale esercizio dell'attività sarà considerato abusivo.

In termini operativi il suddetto obbligo decorre sia per soggetti già operativi che per soggetti che non sono operativi ma che sono intenzionati a farlo; con la differenza che:

A. Tutti i soggetti già operativi, anche on-line, alla data del 16 maggio 2022 e che sono in possesso dei requisiti di legge hanno 60 giorni di tempo per comunicare la propria operatività in Italia e continuare ad esercitare l’attività quindi sino alla data ultima del 15 luglio 2022.

B. I soggetti non ancora operativi dalla data del 16 maggio 2022, invece, dovranno preventivamente comunicare l’intenzione di operare, in Italia, adeguandosi ai requisiti normativi, e, quindi, dovranno attendere la pronuncia dell’Organismo al fine operavi legalmente.

Con l’introduzione del nuovo registro impattano sulle condizioni per poter erogare il servizio on line: bisogna iscriversi nel registro OAM per cui gli operatori esteri (Exchange) che vogliono offrire servizi online al mercato italiano avranno l’obbligo di identificarsi ai fini territoriali in Italia, comunicando la propria sede o la propria stabile organizzazione nel territorio, con ulteriori impatti anche su altri piani giuridici. Nello specifico per operare in Italia occorre disporre di una stabile organizzazione che comporta a catena infatti adempimenti di natura civilistica, contabile e fiscale limitatamente all’attività domestica.

 

 









MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 13 gennaio 2022 - Modalita' e tempistica con cui i prestatori di servizi relativi all'utilizzo di valuta virtuale e i prestatori di servizi di portafoglio digitale

 

 




© 2022 www.compliance-exchange.eu | Tutti i diritti riservati | cookie_policy |
Struttura del gruppo operativo della DLVA-CONSULTING S.R.L. | | | |